Concorso Fotografico
I partecipanti e i vincitori del concorso fotografico sui paesaggi della pianura bresciana.

Galleria Fotografica
una sequenza di fotografie raccontano la pianura bresciana con le sue ricchezze artistiche e culturali.

Galleria Video
La storia raccontata tramite questi video documentari si fanno apprezzare per la loro capacità didattica.

Metafacile
MetaFacile ti guida con il gps e ti informa su ciò che vedi. Puoi noleggiarlo presso le strutture abilitate.

Materiale scaricabile
Tutto il materiale scaricabile che il sito rende disponibile, raccolto in un unica sezione.

Hanno collaborato
Contributi fotografici, testuali e di introduzione alle aree tematiche e assistenza al sito web.

 

 

Torna indietro
Ritorna alla pagina principale.

Proverbi e Modi di dire della Bassa bresciana

La saggezza popolare dei nostri avi si è tramandata nei secoli con poche opere scritte; quei modi di dire frutto del pragmatismo, delle esperienze pratiche e in generale di vite intere spese a lavorare duramente ci hanno permesso in poche, semplici e decise parole di esprimere concetti molto profondi e ormai sconosciuti alla nostra società frenetica frutto del neo urbanesimo. I custodi di questi grandi messaggi di un mondo che non c’è più, ma che siamo intenzionati a rievocare e preservare, sono i nostri nonni, ultimi proprietari di un patrimonio culturale da non perdere.

Un proverbio ci ha molto colpito e ci ha dato quella sensazione identitaria che oggi sembra scemare è stato:

-Tànte fònne, tànte pànse, tante cà, tànte usànše

Tante Donne, tante pance, tante case, tante usanze


Questa cultura che non rinnega le proprie origini, non si pone nemmeno come unica o eletta, anzi si mostra, contro ogni colonialismo culturale, aperta a tutte le varie sfumature culturali che ogni popolo presenta al suo interno.


Di seguito mostreremo qualche esempio di quello che sosteniamo:



-Pötòst che nigot, l’è mej Pötòst

Piuttosto che niente, è meglio piuttosto


-L’è mèj vergòtå che negotå

È meglio qualche cosa che niente


- A cambià muliner sa cambiå lader

A cambiare muliniere si cambia ladro


- En dó che la sesa la sé sbasä töcc i pasä

Dove la siepe si abbassa tutti passano


- Sa cambiå pö spèss èl pensér che la camiså

Si cambia più spesso il pensiero che la camicia


- Töt chèll che ghè stàt èl pö turnà

Tutto quello che c’è stato può tornare


- Quand chèll gatt èl ghè miå I sorècch I balå

Quando il gatto non c’è i topi ballano


-La catiå làanderå la catå mai la predä bunä

La cattiva lavandaia non trova mai la pietra giusta


- Col laurà dela festa èl diaöl sà fa la vesta

Con il lavoro nelle festività il diavolo si fa il vestito


- Chi’ll stà al coèrt quand che piöff l’è un matt se èl sa möff

Chi sta al coperto quando piove è un matto se si muove


-Saltà i fòss per èl long

Saltare i fossi per il lungo


- A igå èl saì èn scarselå

Ad avere il sapere in tasca


- O Tènem o Endèm

O Tienimi o Vendemi


- Dòm o Stòm

Andiamo o stiamo


-Di miå gàtt se ta gha l’èt miå ‘n del sac

Non dire gatto se non c’è l’hai nel sacco


-Chi desfå èl bòsch o èl prà, èl sa fa dann e gnà’ll là sa

Chi distrugge il bosco o i prati danneggia se stesso senza saperlo


-Nisù èl là sa èn do che la scarpå la strenž, apenå chi la là portä

Nessuno sa dove la scarpa stringe fuorché chi la porta


- Méj osél dè bosch che dè gabiå

Meglio uccello di bosco che di gabbia


-Chi dàll žöcch èl spètå sòcors, ghà crèss èl pél lòng compagn d’un ors

Chi dal gioco (d’azzardo) aspetta soccorso gli cresce il pelo lungo come un orso


-Quand’chè la turtå l’è sapartidå, èn’un lampo l’è finidä

Quando la torta è tagliata, in un lampo vien mangiata


-Siès Càal, Áseñ o Mül, mè gha stò a tre pàs dal cül

Siano Cavalli, Asini o Muli io gli sto a tre passi dal sedere


- Per dì balè vòcor bù cò

Per dire Bugie ci vuole una buona testa per memorizzarle


-Èl Signur la ensimå èl na mandä la tempestå, i signur dè chè sotä i sa majä chèll che restå, e èn

mež a stè dù altissimi resteremo poverissimi.

Il Signore (Dio) la sopra ci manda la tempesta, i signori (i ricchi) qui sotto si mangiano quello che

Resta, e in mezzo a questi due altissimi noi rimaniamo poverissimi.


-Quand ch’èll gall èl farà i’öff

Quando il gallo farà le uova (detto di qualche cosa che non avverrà mai)


-Mèj burlà žo da la finestrå che dai cóp

Meglio cadere dalla finestra che dal tetto


-Cilistì Rosa Pallido

Celestino Rosa Pallido (detto di chi continua a cambiare colore politico)



-Fà balà l’öcc

Fare ballare l’occhio (letteralmente guardarsi attorno)

-Sègnàs col gombèt

Segnarsi (farsi il segno della croce) con il gomito

(detto di una persona particolarmente disarticolata)


-Domandegå all’ostèr se èl so vì l’è bù

Domanda all’oste se il suo vino è buono


-L’ostèr èl sa mai se fa èl vì o schisà l’uä

Gli osti non sanno mai se fare il vino o piagiare l’uva


-La pansä la gha miå orécie

La pancia non ha orecchie


-La gatå frigiuså la gha fat i micì òrp

La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi


-Dopo set fète èl gha capìt che l’erå polenta

Dopo sette fette ha capito che era polenta (detto di una persona poco sveglia)


-Tà set un gàtt dè marmo

Sei un gatto di Marmo (detto di una persona poco agile)


-Pagà e Mörèr sa fa sèmper a urå

Pagare e Morire si fa sempre a tempo


-Èl gha Majàt la Foiå

Ha Mangiato la Foglia (detto di chi ha scoperto un trucco)


-Tà set un oreciå de soj

Sei un orecchio da Mastello (detto di una persona stonata)


-Chèl lé èl pöl fa èl pè a le mosche

Quello li potrebbe fare il piede alle mosche(detto di un bravo artigiano)


-Èl gha nà peså per ogni büs

Ha una Pezza per Ogni Buco (detto di una persona poliedrica)


-Fa a tò möt, che tà campèt de piö

Fa a modo tuo che campi più al lungo


-Quand’che cantå èl pì, piùisnå söl grìs

Quando goglotta il tacchino, se è nuvoloso piove


-Per fa la polentå bùnä, car èl mè scètt, gha öl tanto föc e òjo dè gombèt

Per fare la polenta buona caro il mio ragazzo ci vuole tanto fuoco e olio di gomito (rimestare)


- Sé tà oèt fa tanto furmintù èl gha dè pasà ‘n àsèn col cistù

Se vuoi fare tanto mais deve passare un asino con un cestone (semina largo tra le file)


-Cürà èl pròprès òrt vàl compagn de igå un porsèl mòrt

Curare il proprio orto è come avere un maiale morto


-A ulìs bè, se spènt nigòt

A volersi bene non si spende bene


- Precc, Moneghe e Frà, tat de capèl, e lasèi na per la so vià

Preti, suore e Frati, tanto di cappello ma lasciali andare per la loro strada


-La nòtt l’è fadå per i ladèr, per i locc e per chi capes negòt

La notte è fatta per i ladri, gli allocchi e chi non capisce niente (Dormite)


-Se tà oèt miå scudìt la sét majå mai la sal

Se non vuoi toglierti la sete non mangiare mai il sale


-Amùr dè fradèi amùr dè cortèi

Amore di fratelli Amore di Coltelli


-Amùr dè cognate Amùr dè scortelade

Amore di cognate amore di accoltellate


-Suocerå e Nora, guerå detèr pace fòra

Suocera e Nuora, Guerra dentro ma pace fuori


- Suocerå e Nora per bè vidìs, le stà bè èn dè na curnìs

Suocera e Nuora vanno d’accordo solo in foto


-Ai sposalèse e ai Mortòre sa conòs èl parentòre

Ai matrimoni e ai funerali si conosce il parentato


-Caàl Biànch e bèla moèr i ta tè sempre èn pensèr

Cavallo Bianco e Bella Moglie ti tengono sempre pensieroso


-Freschèså dè Scatulì, Freschèså dè Buratì

Freschezza di scatolini (lozioni), Freschezza da Burattini (Attuale)


-Le fònne le gha quatèr armamèncc: lèngua, önge, lacrime e svenimèncc

Le donne hanno quattro armamenti, lingua, unghie, lacrime e svenimenti


-Le fònne le gha trè età, che le ghà, chelå che le mostrå e chelå che le dis

Le donne hanno tre età, quella che hanno, quella che mostrano e quella che dicono


-Fònne pasère e òche, le par tante anche quand’che jè poche

Donne, Passere e oche, sembrano tante anche quando sono poche


-Töcc de le fònne i parlå mal, ma ghe né de bùne e che le vàl

Tutti delle donne parlano male, ma c’è ne sono di buone e che valgono


-Töcc i Santch i völl la sò candelå

Tutti i santi vogliono la propria candela (detto di chi non fa niente per niente)


-Quand’che i nass jè töcc bèi, quand’che i sa spusa jè töcc siòr, quand che i mör jè töcc bù

Quando nascono son tutti belli, quando si sposano son tutti ricchi, quando muoiono erano tutti

Buoni


-Se tà oèt fat notà fat sotrà

Se ti vuoi fare notare fatti sotterrare


-L’amùr senža baröfå èl fa la möfå

L’amore senza baruffa fa la muffa

(versione bresciana di “L’amore non è bello se non è litigarello)


-A bunä orèciä pòche ciàcere

A buona orecchia poche chiacchiere

(versione bresciana di “A buon intenditore poche paole”)


-Quand’ che la lünå la fà la curunä o chèll fiocå o chèll san nigulå

Quando la luna è piena d’inverno o nevica o diventa nuvoloso


-Le madòne lè stà bè söi mür

Le madonne (suocere) stanno bene sui muri


-Palanche pòche, meså cürtå

Palanche poche, messa corta


-Èl scètt pö bèl, l’è chèl dè la sò mamå

Il ragazzo più bello è quello di sua mamma


-Quand’chèll gàll èl cantä förå dell’urå, se l’aria l’è ciarå la dièntå scurä

Quando il gallo canta fuori orario, il cielo limpido si fa terso


-Ai cà Maghèr ghè còr drè pö tante mosche

Ai cani magri corrono dietro molte più mosche


-Chi vif èn de l’lüso èl mör sö la pajä

Chi vive nel lusso muore sulla paglia


-Fürtünå e disgražiå jè visine de cà

Fortuna e disgrazia sono vicine di casa


-Quand’che sé nass sfürtünàcc, piöf söl cül a pò dè sentàcc

Quando si nasce sfortunati piove sul culo anche da seduti


-Quand’ che ü le piè de vì parlå bè anch’èl latì

Quando uno è pieno di vino parla bene anche il latino


-Quand’che la Fürtünå la völ fa bèl, anche èl tòr èl fa èl vedèl

Quando la fortuna vuole fare bello, anche il toro farebbe il vitello


-La lènguå la ghà miå i òss, ma la scaèså dè gròss

La lingua non ha le ossa ma può rompere di brutto

(versione bresciana di “Ferisce di più la lingua della Spada”)


-Èl bèl vedèr èl fa èl bel crèder

Il bel vedere fa il bel credere


- A fa èl pàss lòngh, sé romp èl càalot dè le braghe

A fare il passo lungo ci si rompe la giuntura delle braghe

(versione bresciana di fare il passo più lungo della gamba)


- Dal frèr mai tocà , dal spežièr mai tastà

Dal fabbro non toccare, dal droghiere non asaggiare


-Quand’chè sa fenès un laurà töte le böbe jè aocatch

Quando si finisce un lavoro tutte le scimmie sono avvocati


-Mei un gambèr nel piàtt o des èn dèl foss?

Meglio un gambero nel piatto o dieci nel fosso

(versione bresciana di “Meglio l’uovo oggi o la Gallina domani?”)


-L’aquilå la ciapå miå le mosche

L’aquila non acchiappa mosche

(versione bresciana di “Ci sono pesci più grandi da prendere”)


-I erur dei dutur i va a feneser sotå terä

Gli errori dei dottori finiscono sotto terra


-Se èl Bald èl ghà èl Serè e Mantua la ghà èl capèl, gnà piöff e gna fa bell

Se il baldo è sereno e mantova ha il cappello ne piove ne fa bello (monteclarense)

-O tà Majèt la Minestrå o tà saltet žo da là finestrå

O mangi la minestra o salti dalla finestra


-Mèj Pèrdèr la Lanä che la Pegòrå

Meglio perdere la lana che la pecora


-Chi fa sö e žò da la cantinå èl scàalcå l’otantinå

Chi fa su e giù dalla cantina scavalca l’ottantina


- Èl vì amàr tègnel car

Il vino amaro tienilo caro


-Un pastì un pastù nò majat gna èn bucù

Uno spuntino e uno spuntone poi a cena non ho mangiato più niente.


-Nàss ch’ell piså èn bocå, guai a chi là tocå

Naso che piscia in bocca guai a chi lo tocca


-L’è mèi ‘na bröta peså che un bèll büss

È meglio una brutta pezza che un bel buco


- Quand’chè l’osèl èl vùlå bas col bèl tep èl và a spass

Quando l’uccello vola basso con il tempo va a spasso


-Èl prèt èl stà bè con la carne morta, èl dutùr con chelå maladå, l’aocàt con chelå rugnùså

Il prete sta bene con la carne morta, il dottore con quella malata, l’avvocato con quella rognosa


- l’aocàt èl völ beghe, èl dutùr malatìe, èl prèt òbicc

L’avvocato vuole beghe, il dottore malattie il prete funerali


-Prècc e frà jè mal contentà, siòri e dutùr jè isé anche lùr

Preti e frati mai contenti, ricchi e dottori sono così anche loro


-L’è mèj un sorècch èn bocä a un gàtt, che n’om ‘n mà d’èn aocat

Meglio un topo in bocca a un gatto che un uomo nelle mani di un avvocato


-un urå èl màt, dó ure èl malat, trè ure èl sapiènt, quatèr ure èl stùdènt, sick ure èl viandant, ses ure

èl corp, sèt ure èl pork

Un ora il matto, due ore il malato, tre ore il sapiente, quattro ore lo studente, cinque ore il viandante, sei ore il corpo, sette ore il porco (le ore sono riferite al sonno per notte)


-Chi öl stà bè ‘n dè, ‘l sé làes ‘l cò. Chi öl stà bè ‘na setimanå èl còpès ‘l porsèl. Chi öl stà bè èn mès èl sé faghès èn vistì nöf. Chi völ stà bè èn ann èl se spùses. Chi völ stà bè sèmper èl faghès èl prèt

-Chi vuole star bene un giorno, si lavi la testa. Chi vuole star bene una settimana uccida il maiale. Chi vuol star bene un anno, si sposi. Chi vuol star bene sempre si faccia prete


- Làt e vì fa bè al pitì

Latte e vino fanno bene al bambino


- Di drè Liceo, De anti Museo

Dietro Liceo, Davanti Museo


-Brötå èn faså, bèlå èn piaså

Brutta in fasce, Bella in Piazza


-'Na cà senšå ècc, l'è come 'na cà sensa tècc

Una casa senza vecchi e come una casa senza tetto

-Èl porsèll per vesèr jöst, èl gha de igå dù agòst

Il maiale per essere giusto deve avere almeno 2 agosti (13 mesi)


-Trà’l spùs e la spùså sa somènså la linuså

Tra lo sposo e la sposa si semina il lino


-Èl ris l’empièness finche sèl dìs

Il riso riempie finchè lo si dice


- L'òm sa èl piså come 'n cà

L’uomo sano piscia come un cane


-Miå töcc i péi dèl scètt i diènta barbå da ecc

Non tutti i peli del ragazzo diventano i peli del vecchio


- Èl ris èl nass in d’è l’aivå e èl mör èn del vì

Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino


-A ölte la vàl de piö la lapå che la crapå

A volte avere una buona parlantina aiuta


-Èl vì a bù mercàt èl portå l’òm èn ospedal

Il vino troppo economico porta l’uomo in ospedale


-La coscienžå l'è come 'l catigulì, ghe chi la sènt e chi nò

La coscienza è come il solletico, c’è chi la sente e chi no

-Chi leå sö tarde la matinå èl fa miå la farinå

Chi si sveglia tardi la mattina non macina farina

(Versione Bresciana di “Chi dorme non piglia pesci”)


-Chi öl filà tròp èn frèsä èl filä coi gróp

Chi vuole filare troppo in fretta fila coi nodi


- Amùr, öncò l’è mèl, dumà l’è fièl

Amore, oggi è miele domani e fiele


- Mèi poarì e fürtüinacc che siòr e disgraziàt

Meglio poveri e fortunati che ricchi e disgraziati


-‘Na ròbå l’è partèr, n’alträ l’è rià

Una cosa è partire, un’altra è arrivare


-Èl par èl gal dè la madòna Chèca, tante èl na èt, tante èl nà beca

Sembra il Gallo della madonna (in minuscolo è la suocera) Checa , quante donne tante ne vorrebbe “beccare”.


-Èl còndimènt pö bù l’è la fàm

Il condimento più buono è la fame


-Una söpå senšå formaj l’è come una carosä senšå càai

Una zuppa senza formaggio e come una carrozza senza cavallo


-Gnà i cà i menå la cùå per niènt

Neanche i cani scodinzolano per niente


-Sòfiå bè, Sòfiå fòrt, Sòfiem ‘n del cül quand’che sò mórt

Soffia bene, Soffia forte, Soffiami nel culo quando sono morto

(non scusarti inutilmente di una cosa grave che hai commesso)


-L’öcc del padrù l’engraså èl càal

L’occhio del padrone ingrassa il cavallo


-L’erbä càtå, la mör miå

L’erba cattiva non muore


-L’osèl ‘n gabiå èl cantå, de la rabiå

L’uccello in gabbia canta dalla rabbia


-Lömagå, lömaghì spüntå förå i cornacì

Lumaca, lumachini tirate fuori le cornina


-Quand’che’l pòpo èl fa èl lömaghì, èl penså a chèl che ‘l gha dè fa o de dì

Quando il bambino fa la lumachina pensa a quello che deve fare o deve dire


- Quand’che’l sùl èl sa òltå ‘n drè bèlå giùrnadå gha e drè

Quando il sole è ben visibile ci sarà una bella giornata


-Èl vì l’è’l làt dei vèci

Il vino è il latte dei vecchi


- Fa ‘l bé e bötèl ‘n del fòss i pès i la sa miå chi l'ha fat, èl Signur sé

Fai del bene e buttalo nel fosso, i pesci non sanno chi la fatto, Dio


-La carità onesta, la e detèr da la porta e la va föra dalla finestra

La carità onesta, viene dentro dalla porta ed esce dalla finestra


-Vì stràacat alègriå èl gha portàt

Vino rovesciato allegria a portato


-Amici, Amici i mà robàt la bici

Amici, Amici e mi hanno rubato la bici


-Ghe né de žent che mör, ma che nass !

C’è ne di gente che muore, ma che naso

(Modo di dire su una persona con il naso molto lungo o strano, dovuto al fatto che al parlato il sostantivo “naso” e il verbo “nascere” si pronunciano allo stesso modo, il proverbio, quindi, tradotto letteralmente sarebbe “C’è ne di gente che muore, ma che nascere” ma per un gioco di parole “nass” diventa nas [naso]).


-Santa Maria maters dèi mètèt lè scarpe e léèt i söpèi

Santa Maria mater dei mettiti le scarpe e togliti gli zoccoli

Parodia bresciana dell’Ave Maria in latino, detta per scherzare nei momenti del filòs (conversazione in stalla)


-Sègnét mai cò la ma dei oter

Non farti il segno della croce con la mano degli altri


-Scàpå dal mal, spèrå ‘n bè dopo ciapå ch’ll che vè

Fuggi dal male, spera in bene poi prendi quello che viene