Concorso Fotografico
I partecipanti e i vincitori del concorso fotografico sui paesaggi della pianura bresciana.

Galleria Fotografica
una sequenza di fotografie raccontano la pianura bresciana con le sue ricchezze artistiche e culturali.

Galleria Video
La storia raccontata tramite questi video documentari si fanno apprezzare per la loro capacità didattica.

Metafacile
MetaFacile ti guida con il gps e ti informa su ciò che vedi. Puoi noleggiarlo presso le strutture abilitate.

Materiale scaricabile
Tutto il materiale scaricabile che il sito rende disponibile, raccolto in un unica sezione.

Hanno collaborato
Contributi fotografici, testuali e di introduzione alle aree tematiche e assistenza al sito web.

 

 

Torna indietro
Ritorna alla pagina principale.

Patata (Patatå, Solarum Tuberosum)




Alimento base di alcuni popoli nordici (come ad esempio per gli Irlandesi), ha conosciuto grande interesse considerando le sue caratteristiche nutrizionali o semplicemente per il fatto che sazia molto più di altri ortaggi suscitando subito l’interesse degli agricoltori nostrani. Da sempre considerata romagnola per zona vocata e per rese/ha, conobbe una rapida diffusione in pianura padana durante il periodo veneto per evitare l’importazione dalla “riviera”, all’epoca di dominio pontificio, fu per affinità pedoclimatica coltivata nel Polesine, sul Dogado (Riviera rovigiana), sul mestrino e nelle Venezie orientali. Anche nell’entroterra però, in zone particolarmente sabbiose come ad esempio Crema furono messi in coltura vasti appezzamenti di terreno a patate e altri ortaggi; per affinità pedologica anche il bresciano trovò una risorsa la coltivazione di tale tubero che trovò terreni fertili a Villachiara, Padernello, Quinzano d’Oglio, Monticelli d’Oglio, Acqualunga e Villagana.