Concorso Fotografico
I partecipanti e i vincitori del concorso fotografico sui paesaggi della pianura bresciana.

Galleria Fotografica
una sequenza di fotografie raccontano la pianura bresciana con le sue ricchezze artistiche e culturali.

Galleria Video
La storia raccontata tramite questi video documentari si fanno apprezzare per la loro capacità didattica.

Metafacile
MetaFacile ti guida con il gps e ti informa su ciò che vedi. Puoi noleggiarlo presso le strutture abilitate.

Materiale scaricabile
Tutto il materiale scaricabile che il sito rende disponibile, raccolto in un unica sezione.

Hanno collaborato
Contributi fotografici, testuali e di introduzione alle aree tematiche e assistenza al sito web.

 

 

Torna indietro
Ritorna alla pagina principale.

Frumento (Formét, Tritticum)




Da sempre conosciuto per le proprie caratteristiche organolettiche per avere un sapore neutro che non da inappetenza (pensiamo ad esempio al pane), il frumento (detto anche Grano) risulta essere oggi uno dei principali cereali da trasformazione agro alimentare. Presente in due specie distinte, Tritticum Durum (Grano Saraceno) e Tritticum Aestivum (Frumento), la prima con una granella più dura adatta alla produzione di pasta, l’altra invece più tenera da panificazione, ha per secoli rappresentato il principale prodotto dell’ agricoltura bresciana e dato l’ ottimo adattamento pedoclimatico e la forte rusticità ha avuto grande diffusione anche in tempi più recenti come durante la Seconda Guerra Mondiale quando diventò (insieme al Mais) il principale mezzo di sostentamento per le famiglie dell’Agrobresciano; ancora oggi coltivato per 55.784 ha; è stata una delle prime cultivar ad essere stata meccanizzata, si ricorda infatti, prima dell’ avvento delle moderne mietitrebbiatrici la coltivazione a file semplici (15 Cm tra le file, con semina a spaglio nei solchi) in modo da raccogliere tagliando dalla base con una falce messoria (in dialetto bresciano “mižürä”, “mižürèl” o fiòchèll) l’intera spiga; nacquero in seguito intorno al 1931 i primi macchinari agricoli a vapore (Landini Testa Calda) con falciatrice-rotore e poi le più moderne mietitrebbiatrici.